STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
l'amica intima di mia moglie è incintain cucinaLO STRAORDINARIO DELLA COMMESSAsono stata presuntuosa...La mia gattonala mia festaAmicaCORNA SENZA LITE!!!
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

l'occasione
Scritta da: autorepergioco (6)

Mi chiamo Irene, ho 34 anni, una famiglia e senza “grilli per la testa”, carattere fermo e un poco altero, senza malizia, forse questione di cromosomi, tanto che al lavoro godo fama di quella che “ha la puzza sotto il naso”. Nomea conquistata con poca fatica, è stato sufficiente rifiutare le prime volte gli inviti alle cene che qua e la spuntano per ogni banale motivo.
Ma questa volta non avrei potuto cavarmela, la ricorrenza della promozione a dirigente di Loredana, la mia collega del cuore, ..... niente e nessuno avrebbe potuto salvarmi ...

Naturalmente di venerdì sera, dopo il lavoro, si va a casa di corsa, la doccia, il trucco, la vestizione, un tocco di profumo, l’unico che indosso, bacino a Daniele, il mio maritino e ... pronta.
Per fortuna non devo guidare, odio guidare con i tacchi alti, viene a prendermi Guido, collega con il quale riesco persino a scambiare delle battute e a fare qualche risata.

Il viaggio è veloce, a quest’ora poco traffico, e poi tutti a tavola, tuffati in un menu alquanto sfizioso e per fortuna con porzioni delicate, insomma una cena raffinata che ben predispone. E poi non eravamo neanche tanti, quindi una serata rilassante, simpatica ed insperatamente divertente. Claudio, che sedeva vicino a me ha anche abbozzato “la battuta”: ma allora sai essere anche simpatica!
Evidentemente mi sono sentita a mio agio a tal punto da integrarmi alla perfezione con gli altri.
Ma e’ ora di andare: saluti, commiati e soprattutto complimenti alla nuova dirigente, che andrà a ricoprire un ruolo sognato da molti uomini, lei, una donna, bravissima!

Eccomi di nuovo in macchina con Guido, si è aggregato anche Claudio, tanto è di strada, e poi, visto che ci siamo, dobbiamo salire un momento da lui per cercare di risolvergli un problema al PC, Guido se ne intende.
E’ una bella casa, d’altra parte con quel che guadagna, senza famiglia... chi, se non lui?

Il PC è ancora spento, intanto lo accendiamo, ma nell’attesa un cioccolatino ed un bicchierino di Calvados è quel che ci vuole, due bicchierini, poi, ancora meglio, ed intanto il PC va e nelle vene sembra cominci a scorrere il fuoco, ma dopo una serata così... va bene... rilassa e ritempra.

Nello smanettare il computer, all’improvviso, si apre un filmato un po’ spinto, anzi decisamente spinto, anzi direi porno: una bionda che gode chiavata da un negro di stazza considerevole.
Non sono una pivella, ma cazzi così credevo fossero soltanto nella fantasia degli scrittori.
Devo dire che non sono usa a vedere filmini porno, neanche con mio marito, non riesco a non provare un senso di disagio, però stasera... sarà l’effetto del calvados, ma mi sento in balia degli eventi, e nel vedere il negro che stantuffa la fica della bionda, con una cadenza ben ritmata, lentamente ma inesorabilmente, ed ogni volta la fica si allarga e si stringe sotto la spinta del cazzo mandingo, beh, vedere queste immagini, devo dire, mi sta facendo venire l’acquolina al basso ventre, ho l’impressione di sentire un certo liquidino che comincia a formarsi dentro la mia fica e cola scivolando verso le cosce.
In quel momento neanche ho pensato che in fondo potevamo spegnere il PC e sarebbe finita. In questa situazione non riesco neanche a trattenere qualche sospiro di compiacimento e poi: “Beh!, certo che i negri...altra razza sotto il profilo del fisico...” Subito Claudio si risente: “Perché cos’hanno in più?”. “Oh Claudio, francamente un cazzo come quello potrebbe uscire solo da un sogno ad un bianco”. “Ne sei convinta? Magari intorno a te ce n’è e devi solo trovarlo!” – “Ah, ah, e chi sarebbe il mandingo?” “Io!, credo proprio che potrei batterlo”. Gli chiedo se non si stia sopravvalutando e lui per tutta risposta, invitandomi a giudicare, si apre i pantaloni e, non senza fatica, tira fuori una cosa abnorme, anche perché nel frattempo si era indurito da scoppiare. Io resto ammutolita e quasi impaurita da tanta natura, e subito lo invito a rimettere via quel “coso”, questo gioco potrebbe diventare pericoloso, ma lui per tutta risposta comincia a menarselo e a chiedermi se non abbia la voglia di provare a toccarlo. Francamente la curiosità c’è, ma non è il caso, non sono usa fare queste cose, però credo di non essere stata molto ferma nel dire queste parole, tanto che invece di mollare, Claudio mi si avvicina e comincia ad accarezzarmi i capelli, gli dico di smettere che non voglio, chiamo in aiuto Guido, ma sono perdente, anche Guido è li pronto con il suo cazzo di fuori che se lo mena senza sosta e mi dice: ma dai, per una volta che ti capita l’occasione di godere come non hai mai goduto la vuoi buttare al vento? E con queste parole si avvicina, mi prende la mano e se la poggia tra il cazzo e le palle, chiedendomi di fargli vedere cosa so fare. Mi sento vibrare la pancia, non riesco a parlare ma solo a balbettare: “no,no, non voglio, lasciatemi, non voglio......” ma non riesco a finire perché Claudio mi stringe a se in un bacio pieno di sensualità, mentre Guido, da dietro mi accarezza il corpo, cominciando ad abbassarmi le mutandine.
Ormai ero priva di volontà, in balia dei sensi e dei due colleghi, che si stavano prendendo il mio corpo come volevano loro senza che io riuscissi a far nulla per impedirglielo. Avevo mani che toccavano tutte le parti più erotiche, carezze e baci sul collo, nelle orecchie, sulle spalle, ero in balia anche della mia voluttà che aveva preso il sopravvento sul tempo. La mia fica era ormai bagnatissima, ed aperta come non mai, e me ne accorsi quando Claudio, prendendomi per i capelli, mi costrinse a piegarmi in avanti sul divano, porgendogli, a gambe aperte, quel ben di dio di fica pronta a farsi riempire, e con un solo colpo, poggiando la grande cappella alle labbra, scivolò dentro il mio corpo senza una minima resistenza, e fu allora che Claudio, cominciando a muoversi lentamente rimanendo sempre in fondo alla mia fica, con la cappella poggiata all’utero, mi disse: “Lo vedi che anche tu sei una grande troia, lo senti che anche a te piace il cazzo? Non sai da quanto sogno questo momento, ho voglia di chiavarti fin dal primo giorno che ti ho vista , sapendo che dietro a quel viso da brava ragazza c’erano innate doti di sollazzatrice di cazzi”. Senza rendermi conto ho cominciato a muovermi in modo irrefrenabile, godendomi quel cazzo che entrava ed usciva dalla mia fica con una potenza mai provata, e più lo sentivo e più mi bagnavo e più scivolava dentro e fuori con grande facilità. Non potei fare a meno di rispondere a Claudio: “ Bastardo, hai preparato tutto per arrivare a questo? E allora ora te ne farò pentire, vediamo chi si arrenderà prima, ti farò sentir male tanto ti farò godere e non riuscirai a fermarmi, terrò il tuo cazzo dentro di me finchè non avrai più un goccio di sborra da darmi...” Intanto Guido guardava e si toccava timidamente, senza intervenire in quella che era diventata una sfida tra me e Claudio, lo guardai e vidi che anch’egli era eccitatissimo, fu allora che mi venne in mente quando, con mio marito, facendo l’amore, mi faccio scopare e contemporaneamente gli prendo il pollice in bocca succhiandolo come avessi in bocca un vero cazzo da spompinare, per aumentare l’eccitazione di tutti e due. Questa volta potevo godermi quel gioco dal vero, ormai ero in gioco, tanto valeva giocare per bene. “Guido, che fai, ti accontenti di guardare, dai vienimi vicino che ho voglia di far godere un cazzo con la bocca, mentre ne faccio godere un altro con la mia fica, sono brava a fare bocchini sai? Vuoi provare?” Non feci in tempo a finire che mi trovai l’arnese nella bocca che avevo spalancato, lo avviluppai portandomelo fino in gola quasi da non respirare più e cominciai a muovere la lingua tutto intorno. Le uniche cose che riuscì a dire Guido Furono:”Caspita che bocca bollente e vellutata come una fica di prim’ordine, che lingua sapiente, sembra fatta apposta per far godere cazzi, Irene sei grande! Ahhhhh...ed esplose in un urlo tutto il suo godimento, riempiendomi la bocca di tanta sborra che non riuscivo a contenerla, quindi bevvi (e fu la prima volta!) in un sol sorso, mentre continuavo a leccarlo dalla cappella ai coglioni e continuavo a muovermi come mai avevo fatto sul cazzo di Claudio che ancora teneva duro nella sua cavalcata. Leccai tanto che praticamente a Guido neanche si smosciò, anzi dopo poco era già li bell’e pronto per un’altra sfida, questa volta però volevo provare dal vero l’altro gioco che facevo con mio marito, quello di farmi metter nel culo il suo cazzo dopo aver riempito la fica con un duro cetriolo. Ormai guidavo io, li avevo in pugno, quei due. Chiesi a Claudio di sdraiarsi e subito lo montai ficcandomelo ben dentro, e porgendo il mio culo a Guido lo invitai ad entrarci, tanto ormai era tutto un lago e non era difficile penetrarmi. Mi pareva che la testa scoppiasse, non avevo mai provato un piacere tanto intenso nel sentirmi schiacciata tra i due, con il culo e la fica pieni da sbottare : “voi state fermi, ordinai!” “ci voglio pensare io” e così fu tutto più facile, perché loro dovevano pensare soltanto a tenerli ben dentro, mentre io, muovendo il bacino, davanti e dietro, cercando il ritmo che più mi faceva godere, ora facendomi aprire più la fica, ora più il culo, li tenni in tiro finché non arrivarono insieme all’orgasmo, con un urlo all’unisono sentii riempire il mio corpo e la mia pancia di sborra bollente, godendo tanto da perdere quasi i sensi.
Ci fermammo così un buon quarto d’ora, parimenti stremati, e, beh, la vittoria mi fu accordata soltanto per il fatto del “due contro una”. La serata era finita, ormai ero rientrata nella normalità, così, senza parlare, mi detti una pulita alla meglio e chiesi a Guido di riaccompagnarmi a casa.
Durante il tragitto non scambiammo una parola, io ero assorta con i miei rimorsi nei confronti di Daniele, ed il pensiero correva anche al dilemma: “dovrei dirglielo?” . La decisione non è facile, e racconterò poi come ho risolto il problema.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 215): 7.22 Commenti (6)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10