STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Lo spogliarellomia moglie e l'estateI collant velati di mia suocera parte2pur di sfondare mi sono fatta sfondare!!over 50 da adorare e non disprezzaretutti per una una..........il cazzo del nero in bocca!!!-...ho voglia del tuo cazzo...-
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

sabato
questa è una storia vera, ovviamente i nomi sono modificati per un ovvia ragione di privacy.
io e la mia ragazza siamo fidanzati da due anni circa. il nostro è sempre stato il classico rapporto bello e sincero, con reciproca fiducia e completo appagamento nel sesso e nella vita
entrambi trentenni, viviamo ognuno per conto proprio, ma nei week end lei dorme quasi sempre a casa mia.
siamo entrambi di bell'aspetto, con la comune passione per il nuoto, io alto 1,80 per 75 kg moro, lei 1,70 magra, castana con occhi grigi di ghiaccio, un corpo sottile reso ancora piu femminile dalle forme del suo seno sodo, una terza abbondante che risalta sul suo fisico asciutto.
frequentiamo il nostro gruppo di amici, ma con una sua amica ed il suo ragazzo abbiamo avuto sempre piu feeling, tanto da uscire spesso in 4 per cene, cinema e la scorsa primavera abbiamo anche fatto una bellissima vacanza assieme.
per loro però il rapporto si è incrinato nei mesi successivi, tanto da lasciarsi in luglio.
sara, la mia lei ha mantenuto però un rapporto di sincera amicizia con silvia, sua amica da tempo ed anche se era divenuta single spesso usciva con noi.
non che mi sia spiaciuto il fatto che si uscisse in tre, anche silvia è una ragazza stupenda, con un corpo bellissimo e dei capelli neri corvini.
siamo usciti diverse volte insieme da questa estate, continuando come se nulla fosse...semplicemente amici che uscivano assieme.
ma negli ultimi tempi qualcosa stava cambiando. quando uscivamo iniziavano le battute, gli ammiccamenti; tra tutti e 3 si avvertiva un feeling particolare, piacevole, che ci portava a cercare piu intimità tra noi nella nostra frequentazione, arrivando persino ad evitare di uscire con il resto dei nostri amici per stare soli.
negli ultimi 3 week end quando riaccompagnavamo a casa silvia, io e sara ci ritrovavamo a casa, a fare l'amore, fantasticando su come si sarebbe evoluta la nottata se lei fosse rimasta con noi.
la fantasia e la curiosità di provare il triangolo si faceva strada anche nella mia ragazza seppur lentamente.
io ho sempre cercato di non forzare la cosa, primo per evitare di incrinare il rapporto con lei, secondo perchè dentro di me c'è sempre stato questo pensiero:
in 3 sarebbe fantastico si, ma il giorno dopo?
quanti dubbi, quanti ripensamenti ci sarebbero stati? e poi il nostro rapporto di coppia sarebbe poi stato lo stesso?
tutto questo è mutato questo sabato, in un lampo, in un momento.
silvia era venuta a casa nostra attorno alle 17, eravamo d'accordo per uscire ed andare ad un outlet poco distante da dove viviamo.
all'ingresso in casa sara l'aveva accolta con un abbraccio ed entrambe si sono date un bacino reciproco sulle guance.
un bacio casto, il classico bacio tra amiche, ma quell'immagine mi aveva colpito facendomi sentire una fitta nello stomaco.
avevo già deciso, seppur inconsciamente, avevo deciso di osare.
prendemmo tutti e 3 il caffè e prima di uscire, con fare sicuro dissi ad entrambe che avevo deciso di cambiare programma per il pomeriggio e la nostra serata.
sia sara che silvia mi guardarono sorprese...attendevano un pomeriggio di shopping..forse era saltata la cosa?
io le tranquillizzai dicendo che lo shopping era confermato, ma decidevo io, in qualità di uomo, mostrando un sorriso dolce ma allo stesso tempo ammiccante, dove si sarebbe andati.
il mio fare un po da "capo" le diverte entrambe, mi lasciano fare accettando con un sorriso.
saliti in macchina prendo l'autostrada con sara e silvia che continuano a chiedermi dove avevo deciso di andare.
non sò se è stata l'incoscienza l'audacia o semplicemente il desiderio a guidarmi, ma ho osato.
dopo un oretta di viaggio siamo arrivati in un negozio di intimo specializzato in completini e costumini sexy che avevo visto su internet.
appena scesi dall'auto tutte e due mi guardano con fare curioso e si guardano tra loro.
"ma che cos'è questo posto?" mi dice sara.
"già, ma dove siamo venuti?" le fà eco silvia.
io le guardo conscio del fatto che potrei solo fare un gran casino se mi muovo male, quindi proseguo sul tono della decisione, che fino a quel momento entrambe avevano interpretato come gioco amichevole.
"sapete ragazze, oggi ho deciso che invece di andare per shopping e poi cenare fuori stasera faremo una festa in casa per conto nostro".
entrambe mi guardano in un misto di incomprensione e curiosità.
"e quindi?" dice sara "che c'entra un negozio che sembra un sexy shop?" continua ridendo con silvia.
cerco di mantenere il controllo, di non creare incomprensioni o fratture, rispondo deciso: "questa sera ragazze ho deciso che vi voglio regalare una serata avvolta nel bello e nell'eleganza e quindi voglio che vi sbizzariate nel comprarvi dell'intimo raffinato, solo per voi"
entrambe restano colpite, sara mi guarda un po imbarazzata ma orgogliosa nel vedermi così sicuro e sfrontato; silvia cerca lo sguardo della mia ragazza quasi volesse ottenerne il consenso per proseguire.
restiamo un attimo tutti e 3 fermi a pochi metri dall'ingresso, quando sprono entrambe ad entrare.
entrati nel negozio veniamo accolti da una ragazza visibilmente dell'est europa, di una bellezza fisica prorompente ma con uno sguardo freddo quasi distaccato.
la sensazione di freddezza si rivela sbagliata quando lei con un dolce sorriso ci chiede se può aiutarci.
con fare quasi indifferente metto le braccia dolcemente attorno ai fianchi di sara e silvia.
il contatto le fà vibrare, lo avverto, ma restano tranquille, mostrando sicurezza.
mi rivolgo alla commessa dicendo che le ragazze volevano vedere alcuni completini eleganti che valorizzassero la loro bellezza, qualcosa che renda la loro femminilità ancora piu intensa, superiore.
la ragazza ci sorride e ci dice di seguirla.
entriamo in un camerino di prova molto ampio dove la commessa inizia a mostrarci coordinati bellissimi con bustini e guepiere.
sia sara che silvia sono attratte dalla bellezza dei completini, esaltano la loro femminilità, iniziano a rilassarsi, guardandoli assieme.
ogni volta che prendono un capo in mano sorridono tra loro e vedo lo sguardo di sara che cerca il mio chiedendomi cosa ne penso e chiedendomi di esprimere un giudizio ed una scelta sia per lei che per silvia.
io le guardo sorridendo, dicendo cosa mi piace e cosa no e senza accorgercene è già trascorsa quasi un ora nello scegliere e guardare intimo assieme.
abbiamo selezionato alcuni capi, ma non abbiamo ancora scelto.
la commessa, ormai quasi annoiata, visto che comunque lei sta lavorando e noi sembriamo non curarci delle sua presenza ci chiede se abbiamo deciso.
nell'indecisione decido io dicendo alla ragazza del negozio cosa prendiamo.
alla cassa, il fatto che io paghi sia per la mia ragazza che per la sua amica mette in imbarazzo quest'ultima, ma io la tranquillizzo dicendole che mi fà piacere e che sono felice di donarle qualcosa che la renda ancora piu bella.
usciti dal negozio, abbiamo avvertito lo sguardo degli altri clienti che ci osservavano curiosi.
io mi rivolgo a entrambe ringraziandole e dicendo loro che mi han fatto sentire davvero un grande vedendo lo sguardo degli altri uomini presenti nel negozio, che mi osservavano curiosi insieme a due ragazze così belle.
i loro sorrisi di risposta sono dolci, gentili e dentro di me lo sento: le desidero assieme.
una volta in auto dico ad entrambe: "guardate ragazze che ancora non ho finito".
tutte e due mi chiedono cosa intendo dire. "ora andiamo in un negozio di scarpe, voglio che prendiate qualcosa che vada abbinato ai completi che vi ho appena comprato".
al solo nominare la parola "scarpe" tutte e due ne restano felici. sara, la mia ragazza possiederà nonsò quante paia ma deve sempre comprarne, la sua amica nondimeno ha la stessa passione.
ho fatto centro, lo sento, far loro scegliere scarpe le scioglie, le diverte.
stavolta, arrivati al negozio, con mio stupore, non devo forzare nulla, son loro due a scegliersi dei modelli veramente sexy, dicendomi che vorrebbero qualcosa da provare a casa con i completini che abbiamo appena comprato.
le lascio fare godendomi i loro corpi che ancheggiano sui tacchi dei modelli di scarpe che stanno provando, inebriato, felice della loro bellezza.
scelgono ciò che a loro piace, non prima però di avermi chiesto se piacevano anche a me: un paio di sandali argentati ricoperti di brillantini con tacco 12..... sono bellissimi e sulle loro gambe risaltano ancora di più.
all'uscita del negozio sara, la mia ragazza midà un bacio in bocca dicendomi grazie per il regalo fattole e con fare un po misto tra lo scherzoso ed il dolce fà una battutina a silvia. "dai silvia non ringrazi stefano per quello che ci ha regalato?"
silvia è visibilmente colpita, ma lo sento e lo vedo nei suoi occhi; ha un po paura, ma è contemporaneamente intrigata.
si avvicina a me e mi stampa un bacio sulla guancia. io la ringrazio per il bacio e le sfioro il ventre, che al contatto sento piatto e tonico sotto la maglietta che indossa, con due dita.
il contatto l'ha colpita, le è piaciuto, noto la luce dolce nei suoi occhi, quella luce che solo le ragazzeche son veramente emozionate possono mostrare ad un uomo.
dentro di me sale i desiderio, prendo sara per mano "amore andiamo a bere qualcosa che ne dici?"
sara mi guarda e mi dice "come vuoi, ma perchè invece non andiamo a comprarci qualche bottiglia e stiamo a casa nostra?"
poi prosegue rivolgendosi all'amica "tu silvia che ne dici?". l'altra annuisce guardando prima sara e poi me.
mi sento salire un calore dallo stomaco, avverto di trovarmi in un limbo meraviglioso, assoluto: sta davvero succedendo?
l'idea di andare a casa è il solo immaginare di chiudere il mondo fuori per dedicarci a noi, da soli, in assoluto incanto; in 3.
ci fermiamo in un enoteca e compriamo due bottiglie di vino rosso scelto da sara che nonostante non sia una gran bevitrice si intende molto di vini grazie al fatto che la sua famiglia è sempre stata impegnata nell'enologia.
prendiamo le bottiglie e arriviamo in auto a casa.
scendendo dall'auto siamo pieni di pacchi, buste e scatole. tra vino, scarpe e completi abbiamo le mani piene.
arrivati a casa lasciamo i nostri acquisti sul tavolo della cucina e ci accomodiamo sul divano stappando la prima bottiglia, sara porta 3 calici.
brindiamo a noi, alla nostra amicizia e, aggiungo io alla bellezza.
parliamo, rilassandoci un po, la conversazione scivola più su argomenti leggeri che sull'intrigo, ma ne son felice...parlando parlando mi assicuro che i loro calici siano sempre pieni mentre tendo a bere poco io, ben sapendo l'effetto inibitorio che mi provoca l'acool.
voglio che si sciolgano, che si sentano libere; l'acool allenta i freni e lascia venire fuori le pulsioni piu nascoste, quelle che nel quotidiano, alla luce del giorno teniamo tutti nascosti.
è un istante, un attimo velocissimo, quello nel quale decido di cambiar discorso e dico ad entrambe "ragazze, ma perchè non facciamo un bel gioco tutti e 3?"
sara e silvia un pochino euforiche anche grazie ai due calici di vino che hanno appena bevuto mi guardano sorridendo, poi è sara a dirmi "ok stefano, ma basta che sia un gioco carino" e dicendo questo sorride con l'amica che la contraccambia.
non voglio perdere l'occasione, rincaro: "ora andate di sopra, in camera e mettetevi quello che vi ho comprato, voglio vedere come vi stà"
nel dirlo ho un po paura, paura di bruciare tutto, paura di rovinare l'attimo o di forzare troppo la mano, ma non mi importa. ormai il desiderio cresce, lo sento dentro, mi dico o la và o la spacca.
ne segue un minuto quasi di silenzio che in me sembra eterno...ecco, penso......ho sbagliato...ho esagerato.
loro due si scambiano uno sguardo che non riesco ad interpretare, ma poi è sara a ridarmi sicurezza. la sua mano si posa sul dorso della mia "ok...ma prima io e silvia allora ci facciamo una doccia...poi ci lasci asciugare i capelli...stirarceli...se vuoi....ci fai giocare a fare le modelle per una sera...ok?"
il sentire la mia ragazza dire queste parole mi inebria piu di 100 bicchieri di vino, riprendo il controllo, la certezza che devo agire "hai ragione sara e tu silvia seguila, andate a docciarvi e rilassatevi, voglio che siate tranquille e felici questa sera".
detto questo si alzano e salgono le scale che portano al piano notte della mia abitazione. le seguo con lo sguardo, non so piu se è un sogno o realtà, mi sembra vederle salire le scale mano nella mano.
i minuti che compongono l'attesa del loro ritorno mi sembrano ore. ascolto col cuore in gola, ma attendo. l'attesa è bellissima, sale l'eccitazione e sento poi i loro passi sulle scale.
sulle assi di legno che compongono la scala che porta al piano superiore ribattono i colpi dei loro tacchi.
le attendo fingendo fermezza: sono bellissime.
i loro completi sono identici...neri di base con bordature avorio per sara mentre quelle di silvia sono fucsia.
i loro corpi snelli sono fasciati nei corpetti aderenti che tengono tese con dei laccetti sottili le calze nere.
i loro perizomi creano due culetti perfetti, sodi, fantastici.
la mia eccitazione è visibile, così come noto che in entrambe l'alcool è salito facendo il suo effetto.
i loro occhi sono contornati da un profondo tratto di eye liner che risalta lo splendore dei loro sguardi femminili. sento un calore fortissimo dentro di me, le invito a sedersi ai miei lati sul divano.
la stanza è avvolta dai loro profumi femminili...verso ancora loro del vino, le voglio sciogliere.
entrambe bevono ridendo, sono felici, serene, pertanto decido di agire.
"ho deciso a quale gioco giocheremo stasera ragazze" dico in tono pacato e sicuro.
entrambe mi guardano, sara che è seduta alla mia destra mi dice di spiegare loro di cosa si tratta.
ormai non ho piu freni, vederle vestite entrambe così con le loro gambe sottili accavallate fasciate dalle calze mi manda in estasi. infilo la lingua in bocca a sara baciandola con passione. lei si scioglie intrecciando la sua lingua con la mia, mentre con la mano sinistra accarezzo la coscia di silvia.
mi stacco dalla sua bocca e senza chiedere il permesso mi giro iniziando a baciare con passione silvia, mentre mentre ormai con le mani sono passato dalle cosce ad afferrare i loro culetti.
quando mi stacco dalla bocca di silvia mi sento ormai padrone della situazione, non ho freni, voglio andare a fondo con entrambe. le guardo rapite dai miei baci, senza piu alcun imbarazzo ma solo desiderio e attesa.
attesa di essere guidate, attesa per un ordine.
le guardo entrambe ed ad entrambe dico: " ragazze sapete che vi siete appena baciate tra voi tramite me?"
sara accarezza le mani di silvia mentre mi guarda e mi risponde: " e ora?"
nel guardarle afferro con decisione le chiappe ad entrambe "ora dovete baciarvi tra voi, da vere lesbiche, per me!"
il mio tono è diventato secco, perentorio e loro si avvicinano infilandosi reciprocamente le lingue in bocca.
mentre limonano dolcemente io raggiungo le loro fichette lisce e morbide facendomi strada tra le sottili strisce di tessuto dei loro perizomi.
sento già i loro umori vaginali colarmi sulle dita non appena le sfioro, rincaro la dose. " baciatevi lesbichete...dai....fate vedere al vostro padrone come vi piace succhiarvi le lingue"
il solo sentire il mio tono, le parole usate da me le eccita visibilmente. lo vedo...il loro bacio è diventato passionale, carico di desiderio ed io comprendo ciò che devo fare.
le mie mani salgono dai loro culetti ai loro capelli lisci e morbidi e con fare deciso li afferro ad entrambe.
il mio gesto è secco, quasi violento ma le separo tirando con decisione i loro capelli.
le tengo con le teste leggermente reclinate guardandole entrambe. mi sento potente, sicuro di me. sara mi conosce, lo sà come amo il sesso, lei è conscia del mio lato dominante.
anche silvia sembra apprezzare, lo sento e la cosa mi dà sicurezza e decisione nell'agire.
le guido lentamente nell'alzarsi dal divano fino a trovarci tutti e 3 in piedi.
sono eccitato, ma vverto che lo sono anche loro. "inginocchiatevi lesbichette"...parlo con tono quasi violento senza mai lasciare la presa ai loro capelli.
sono entrambe in ginocchio, la mia fidanzata e la sua migliore amica. senza piu ritegno ordino ad entrambe di spalancare le loro bocche tirando fuori completamente le lingue.
lo fanno, ormai in balia di un trasporto erotico come avverto non hanno mai provato assieme.
con l'eccitazione che mi brucia in corpo sputo con decisione prima nella bocca di sara e poi un altro sputo nella bocca di silvia. "baciatevi ora mie lescbichette"
quello che ne segue è un bacio diverso, intenso, dai sapori veramente saffici. dolci gocce di saliva straripano ai lati delle loro bocche.
nel baciarsi entrambe cercano il mio sguardo fisso su di loro, quasi a cercare di capire se apprezzo.
ormai la libido si è imposessata di tutti e 3, le separo ordinando loro di slacciarmi i pantaloni.
con le loro mani aprono la cerniera dei mie pantaloni liberando dai boxer il mio cazzo in preda ad una erezione mai avuta. il mio cazzo svetta violento di fronte ai loro visi, stupendo anche me per l'imponenza con la quale si pone.
lascio i loro capelli, ormai non hanno piu bisogno di ordini, si lasciano andare assieme.
le loro lingue iniziano a massaggiarmi assieme l'asta del membro arrivando dolcemente fino alla cappella.
fitte di piacere mi percuotono dalla base della spina dorsale fino alle spalle. sento le loro lingue sfiorarmi i testicoli, gonfi, carichi di piacere.
sara, che conosce benissimo cosa amo, inizia ad avvolgere il mio membro con l'intera bocca lasciandoselo scivolare in profondità ed assicurandosi che anche silvia capisca ed impari.
afferro con entrambe le mani la testa di sara ed inizio ad affondare il mio cazzo nella sua gola con colpi decisi, profondi.
entro ed esco con forza dalla sua bocca, dalla sua gola; fino a portarla ad un dolce inizio di conato.
un dolce filo di saliva densa le cola dalla bocca sul collo, sul seno.
sfilo il mio cazzo ormai divenuto enorme e guardo prima sara, esausta e sconvolta per la violenza dei miei colpi e poi silvia.
"ora tocca a te lo sai? apri la bocca come sara, spalancala!"
silvia spalanca la sua bocca in preda all'eccitazione e le infilo il mio cazzo facendomi strada nella sua gola.
bastano pochi colpi e la vedo strabuzzare gli occhi...un piccolo contatto del mio membro nella sua gola le stimola uno sforzo...lo sfilo veloce..lei fiotta saliva.
sara le si avvicina guardando me, io guido le loro teste le spingo a baciarsi.
ormai il loro baciarsi è un turbine si saliva e lingue. il sangue mi pulsa in testa e nel cazzo.
dico loro di alzarsi, proseguiremo in camera da letto.
si alzano in piedi, il contorno occhi scola sulle loro guance in piccolo rivoli neri, la saliva ha inumidito i loro bustini.
camminano di fronte a me sulle scale, mentre osservo i loro culetti di fronte a me.
entriamo in camera, mi sdraio sul letto, completamente nudo col cazzo eretto.
"sara togliti il perizoma"
la mia ragazza lentamente si sfila le sottili mutadine mostrandomo il suo culetto mentre lo fà.
"brava cagnetta ora sfilale alla mia nuova schiavetta"
silvia resta in piedi mente sara le scopre il sesso liscio, completamente depilato.
restano alcuni istanti in piedi, vicine fianco a fianco.
"siete bellissime" dico "ora fatemi vedere quanto vi desiderate, venite qua"
si avvicinano entrambe con sara che guida dolcemente silvia a mettersi carponi ai mie piedi mentre lentamente da dietro le inizia a baciare il culetto esplorandola tra le cosce con la lingua.
il gioco si trasforma dolcemente in un69 saffico con sara sotto e silvia sopra. entrambe ormai si succhiano le fichette con foga, non resisto più.
mi alzo mettendomi al bordo del letto e con il cazzo che mi scoppia penetro sara con decisione. la sua fica è fradicia di umori, pochi colpi e viene una prima volta colando miele denso in faccia a silvia.
sara geme di piacere mentra continuo a penetrarla con decisione. i miei colpi la scuotono e prende a succhiare con libidinosa passione la fica di silvia che allo stesso tempo alterna colpi di lingua sulla fica dell'amica e voraci succhiate ai miei coglioni ormai stracarichi e gonfi.
continuo ormai a scopare la mia ragazza mentre la sua amica mi stimola le palle, sono allo stremo, sento sara venire di nuovo, non mi trattengo.
urlando esplodo il mio piacere dentro sara, inondandole l'utero di uno, due tre schizzi di sperma!
la mia venuta è violenta, esplosiva. urlo godendo, parlando ormai senza freni "ti riempio troietta!"
sfilo il mio cazzo dalla sua fica....mentre un denso rivolo si seme cola sulla bocca di silvia che beve dolcemente mentre con gli occhi cerca il mio sguardo.
mi avvicino al suo viso "ti piace la mia sborra silvia?"
sara sta continuando a leccarle dolcemente la fica, ormai sconvolta da due orgasmi consecutivi e appagata dall'aver ricevuto il mio seme perchè mai prima d'ora ero venuto dentro di lei senza profilattico.
silvia invece mi guarda rapita, sconvolta dalla voglia di un piacere piu intenso "bevila silvia perchè è il sapore dello sperma con il quale ora riempirò anche te"
mi sento delirante di onnipotenza, la visione di lei che beve il mio sperma dalla fica di sara che ho appena riempito mi manda in estasi. il mio cazzo è di nuovo duro voglio venire ancora!
ci giriamo. silvia è sempre sotto con sara sopra. entro dentro silvia scoprendo una fica caldissima, morbida, accogliente.
"quel coglione del tu ex non ti scopava così vero silvia?"
lei geme nel sentirmelo dire e anche sara si eccita di piu...continuando a succhiarle il clitoride mentre io la scopo.
alterno il ritmo, estraendo dopo qualche colpo il mio cazzo dalla fica di silvia per infilarlo nella gola di sara che riversa la sua saliva sulla fica dell'amica.
è ormai pura estasi; silvia urla di piacere sotto i miei colpi ormai devastanti mentre sara riversa il miele appiccicoso della sua fica sul suo viso.
non resisto piu, le loro urla, l'odore del sesso di entrambe che pervade la stanza mi ubriaca, decido di lasciarmi andare esplodo dentro silvia.
getti potenti le riempiono la pancia facendola vibrare ed urlare di piacere.
tengo la testo di sara sborrando con violenza nella fica della sua migliore amica, urlo di piacere "si riempio anche te silvia!!!!"
le mie palle si prosciugano schizzando caldo seme dentro di lei. resto altri istanti a bearmi dell'immagine, poi esausto mi riverso sul letto.
dolcemente entrambe si avvicinano ai miei lati...un dolce bacio ci unisce, finita la passione che ci ha stregati, il sonno ci avvolge insieme.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 19): 6.95 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10